Limiti nella possibilità di trasporto delle biciclette, la sicurezza deve essere garantita

Trasporto di biciclette: dove e quante?

Treni regionali: Le biciclette possono essere trasportate nelle aree contrassegnate o negli appositi vani bici, a condizione che vi sia spazio sufficiente. I treni regionali possono trasportare circa 16 - 20 biciclette negli appositi scomparti; la prenotazione di posti non è prevista. Il grande afflusso di biciclette sui marciapiedi e sui treni è problematico per motivi di sicurezza. In caso di congestione, il personale ferroviario può vietare il trasporto di biciclette, per cui non è garantito che tutti i passeggeri, pur in possesso di un biglietto valido, possano salire a bordo con la bicicletta.

Autobus regionali: per motivi di sicurezza, le biciclette, comprese le biciclette pieghevoli e i monocicli, possono essere trasportate solamente se nell'autobus è disponibile uno spazio di deposito separato. Alcuni autobus regionali hanno un bagagliaio nel quale possono essere stivate singole biciclette. Tuttavia, ad oggi, la maggior parte degli autobus hanno un'entrata a pianale ribassato, pertanto non è possibile il trasporto di biciclette.

Appositi portabici con ca. 5 – 6 posti sono a disposizione da primavera fino ad autunno 2020 sugli autobus delle seguenti linee:

  • Linea 273 Malles – Martina (fino al 08.11.2020)
  • Linea 245 Merano – Val d’Ultimo – Lana (fino al 08.11.2020)
  • Linea 321 Bressanone – St. Andrea – Plose (fino al 29.11.2020)

Le fermate, dove le biciclette possono essere caricate, sono indicate nell’orario con il simbolo della bicicletta

Autobus urbani e citybus: Non è consentito il trasporto di biciclette a bordo.

Funivie altoadigemobilità: I biglietti e le tariffe del trasporto pubblico locale in Alto Adige valgono per il trasporto di biciclette sulle funivie del Renon e di San Genesio e sulla funicolare della Mendola. Per gli impianti di risalita del Colle, Verano, Meltina e Maranza valgono i relativi titoli di viaggio e le relative tariffe.